Provaci ancora, Iggy!

by

Gente impreparata quella al Carnegie Hall of New York.
Quella sera di Marzo qualcosa è andato storto e l’iguana s’è ritrovata con la faccia a terra senza nemmeno il tempo di un insulto.
E’ successo che la sotto, proprio sotto il palco, proprio dove le braccia si protendono per sostenerti quelle braccia non c’erano più.
L’iguana s’è rialzata, ha mostrato la lingua e a ripreso a cantare. Dopo quarant’anni di stage diving cose del genere lasciano il segno e pare che Iggy se l’è presa di brutto.
Iggy, così accidioso ed ostinatamente glabro, avrà ripensato a quella notte di Halloween del 1967, quando l’esordio colava lussuria ed era furia, furia di esibizionismo.
In anticipo Iggy lo è sempre stato. Germi di punk pisciavano in pieno germoglio hippie nelle distorsioni e nel nichilismo mentre srotolava la performance a suo piacimento per vestirla solo su di se, il performer.
Sono gli alti e i bassi a fare dell’iguana una promessa di mito. Sono gli esordi con gli Stooges il suo sangue. Il successo e la luce che si spegne è la solita storia, la polvere e il sintetico sono le solite vie di fuga. Poi l’etereo Bowie lo raccoglie ed è solista finalmente per se per gli anni che verranno; una conturbante iguana onanista.
La reunion con gli Stooges di qualche anno fa è una scontata rimpatriata tra ragazzacci di un tempo.Meno scontato il tuffo nel vuoto tra la gente impreparata del Carnegie Hall of New York.

[alidam]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: