Giù dalla giostra

by

Oggi ho così poca voglia di lavorare che mi viene da piangere. C’è un sole finalmente luminoso, un’aria tiepida, profumo di gelsomino, tutta la natura si sveglia e dice: buttati su un prato e stiracchiati con me!
E io chiudo lo studio, lasciando le mie cose e il computer acceso, cammino nello smog e nel traffico per chilometri, ostinatamente senza montare su un bus o sulla metro. Me ne vado a villa Ada, dove si può trovare la natura più verosimile nel raggio di 20 km.

Cammino tra gli alberi, fino a dimenticarmi della città che pulsa intorno a me, respiro resina e fiorellini di campo lungo i sentieri ombrosi, e finalmente mi butto per terra, noncurante delle macchie di erba e di terra che compariranno sulla mia schiena. Ed è tutto fermo, di lunedì mattina, in una metropoli. Solo per oggi salto il mio giro in giostra: così semplice, così sontuoso.

[Anna]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: