La Tempesta – Ferrara Sotto Le Stelle 2010

by

Saranno 10 anni che organizzano concertoni in Piazza Castello e ancora succedono delle cose che EEEHH?????

Per questo raduno di band italiane sono stati approntati due palchi, così quando un gruppo finiva l’altro era pronto a partire con la musica.

Figo, eh?

Col cazzo! L’altro palco era all’interno del cortiletto della piazza del castello, capienza massima: 900 persone.

La piazza invece aveva capienza 4900, che poi non si capisce se era 4000 + i 900 del cortile o se sono stati dati numeri a caso (a questo punto lo sospetto fortemente).

Facciamoci due conti: se gli Zen Circus smettono di suonare alle 20.10 e il gruppo dopo, che sta nella piazza, attacca istantaneamente dopo, io come CAZZO posso UMANAMENTE arrivare a vederlo, se 900 persone tute insieme devono passare attraverso una unica minuscola uscita rischiando tra l’altro la vita e svariate dita dei piedi?
Imbecilli.
Risultato: dei gruppi che c’erano ne ho visti la metà.

Seconda cosa: ma è normale che alle 21.30 il chioschetto non abbia più cibo, e il bar di fronte non abbia più acqua a mezzanotte?

Sorvoliamo.

Entriamo alle 18, e a malapena riusciamo ad entrare nel cortiletto da 900 posti quando stanno finendo di suonare i Cosmetic, che non ho capito se erano carini o no perchè il suono faceva talmente schifo che potevano essere anche i Pink Floyd, nessuno l’avrebbe capito. C’erano fiumi di distorsioni che si rincorrvano rimbalzando tra le pareti del cortiletto.

Finiti i Cosmetic, nella piazza ci saranno stati i Uochi Tochi che OVVIAMENTE non siamo riusciti a vedere, esattamente come i Sick Tamburo (non che mi sia strappata i capelli per la perdita, comunque).

Rimasti nel cortiletto, ci siamo ascoltati i Pan Del Diavolo, di cui vi mostrerò un’immagine acquisita attraverso mezzi potentissimi, come potete ben vedere dalla qualità dello scatto:

Ecco, Il Pan Del Diavolo: loro sono stati la scoperta del giorno! Due cartole con la faccia da schiaffi (e con un tale Umberto Giardini alla batteria, che dopo un paio di ore si sarebbe esibito col suo nome da battaglia, Moltheni), con queste due chitarre acustiche e questi ritmi e questi ciuffi così Elvis, insomma a me mi ci son piaciuti un bel po’, bravibravibravi.

Anche gli Zen Circus, bravi, dal vivo. Sono gli album che non mi dicono niente.

Per vedere poi Moltheni ho perso Giorgio Canali e i Rossofuoco, di cui però ho una diapositiva scattata con i potenti mezzi di cui sopra:

Bella, eh?

Lo so che non si vede un cazzo ma fidatevi, il vecchio al centro che sembra Godano biondo in realtà è Canali, e alla sua sinistra ci sta il mio migliore amico Rodrigo D’erasmo al violino, ma non vi posso dire nient’altro perchè io ero in piazza ad ascoltare Umberto.

Ah no, una cosa ve la posso dire: anche Canali stava facendo la fila per entrare nel cortiletto, che doveva suonare.

Non mi voglio dilungare sui Tre Allegri Ragazzi Morti, nè sul Teatro Degli Orrori (non mi piacciono entrambi, anche se i TARM almeno mi divertono), quindi passo al mio sempre più depresso Vasco Brondi, che non si è sprecato moltissimo: ha aperto con BBB dei CCCP (indossando la maschera dei TARM), ha proseguito con Per Combattere L’Acne e Piromani, poi è salito sul palco Emidio Clementi che ci ha letto un brano dal libro di Brondi con la sua solita ed inconfondibile voce ipnotica che sembrava un po’ adattata allo stile brondiano per l’occasione.

Le Luci Della Centrale Elettrica, ieri sera composti da Rodrigo e da Stefano Pilla oltre che al Vasco, hanno finito con la cover della Domenica Delle Salme di De Andrè, che debbo ammettere mi piace sempre di più.
Peccato il poco entusiasmo, il poco tempo, e il fatto che la metà delle canzoni fossero cover.
Cazzo Vasco un cd hai fatto, almeno faccelo sentì!

Concludo facendo i complimenti al tizio che girava con la maglietta del tour di Eros Ramazzotti.
Genio.

[Silently]

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

11 Risposte to “La Tempesta – Ferrara Sotto Le Stelle 2010”

  1. DRC Says:

    Nota estemporanea. Se non ho capito male, ti sei persa gli Altro. Io sono entrato tra i primi e quindi li ho visti: fanno schifo, ma veramente. Ero imbarazzato per loro, soprattutto per il cantante. Fine nota estemporanea.

  2. Silently Says:

    Meno male che non mi son persa niente, grazie!

  3. Elena Says:

    Io mi sono persa tutti i gruppi che hanno suonato nel cortiletto, ahimè.
    In compenso ho visto Moltheni praticamente sotto il palco, in quella che è stata una delle sue ultime esibizioni. Commovente.

    Le Luci mi ha fatto incazzare perché non è possibile fare solo due dico due canzoni del cd; ho capito che non era una data del suo tour, ho capito che probabilmente tra qualche mese uscirà (finalmente) il nuovo cd, ma tutti aspettavano lui, cavolicchio almeno Produzioni seriali di cieli stellati poteva farla, no?

  4. Silently Says:

    @Elena: s’è proprio sprecato infatti, anche io ho rosicato un bel po’!
    Capisco che ha fatto un album solo e si sarà rotto i coglioni di fare sempre le stesse canzoni, però allora se non hai voglia non suonare!

  5. Porlock Says:

    “BBB” è Brucia Baby Burn ? … come cambiano i repertori col tempo.
    Ma dai Moltheni che ha datto il drum-supporto ai Pan del Diavolo !
    allora è stata una gran giornata musicale, a leggere dal tuo intervento.

    io per “Ferrara sotto le stelle” ho dato solo per i Pixies … non ho una gran passione in generale per le manifestazioni contenitore. Come hai notato tu a livello organizzativo sono sempre dei carnai, e per seguire uno o due artisti che m’ineteressano mi devo sorbire un sacco di altra marmaglia.

  6. Porlock Says:

    cazzarola “Moltheni che ha datto” … ripeterò le scuole elementari coi ginocchi sui ceci :(((((

  7. Silently Says:

    @Porlock: noooo non serve rifare le elementari, basta rileggere :D
    Io a Ferrara ho visto anche i Sonic Youth, i Verdena, Fantomas e altri che ora non mi sovvengono. Certo che sti festival sembrano sempre organizzati dai ragazzini delle scuole medie, finisce sempre cibo e acqua ma rimangono ettolitri di birra….
    Però spesso ne vale la pena, soprattutto quando torni a casa, ti lavi e ci ripensi!

  8. Porlock Says:

    ma guarda, hai ragione da vendere. La location è bellissima, io ricordo di averci visto uno strepitoso concerto dei Kraftwerk. L’anno dei Sonic Youth (che suonavano tutto “Daydream Nation” giusto ?) se non erro c’era anche Beck.

    però, c’è un però … i Pixies sono stati un po’ “castrati”, volumi bassi, piazza Castello troppo piccola per un gruppo come i Pixies (per di più unica data italiana) … e alla fine del concerto … peidi a forma di sanpietrino XD

    ma certamente alla fine, tante, tantissime emozioni !

  9. Giuglia Says:

    Lollo molto per il tizio con la maglietta di Eros, anche se stavo per sveni’ quando l’ho visto. Comunque i Radiohead e Sigur Ros a Piazza Castello sono stati mitici; vasco brondi, invece, lo odio ufficialmente.

  10. Il nuovo video dei Pan Del Diavolo. « ConversazioniMetropolitane Says:

    […] Da un po’ di tempo “Farà Cadere Lei” era diventata la mia canzone preferita del cd, che si chiama “Sono all’osso”, e che ho avuto l’immenso piacere di ascoltare live a Ferrara (ve l’avevo già detto, eh?). […]

  11. Sono All’Osso, davvero (Il Pan Del Diavolo @ Covo, Bologna, 28/01/2011) « ConversazioniMetropolitane Says:

    […] regge il confronto con le altre due esibizioni (Ferrara e Roma) a cui ho assistito, per due […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: