Un giorno triste per il surf. Ciao, Andy.

by

Forse il nome non vi dirà niente, la foto nemmeno, ma Andy Irons è tipo il Francesco Totti, il David Beckham, il Rafael Nadal, lo Shaquille O’neal del surf.

E’ stato campione mondiale ASP per 3 volte, dal 2002.

Poi Kelly Slater ha rosicato ed è tornato a gareggiare per spodestarlo, ma insomma Andy Irons era un mito.

Era a Puerto Rico per il Rip Curl Pro, aveva appena vinto il Billabong Pro France, e s’è preso la dengue. Allora ha provato a tornare a casa alle Hawaii, ma non c’è riuscito, lo hanno trovato morto l’altroieri notte nella sua camera d’albergo a Dallas: non era riuscito a prendere l’ultimo aereo per tornare a casa. Aveva 32 anni, una moglie e un bimbo che ancora non aveva conosciuto perchè nascerà il mese prossimo.

E’ una storia triste. Io sono triste, il mondo del surf è triste, ma la cosa tristerrima è che la notizia in Italia non è girata quasi per niente, e troppi pochi italiani sono tristi.

Voglio dire, Andy Irons era un campione del mondo, mica un qualsiasi giocatore di serie b.

Boh, triste.

 

[Silently]

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: