Come sopravvivere ad un dottorato di ricerca (Special edition: the day after)

by

Oggi niente sequel sui consigli per la stesura della tesi. Oggi il rischio è che tra dieci anni non ci sarà più un dottorato a minacciare la nostra sopravvivenza, economica e psicologica. Forse non ci saranno più università pubbliche a finanziarli, forse neanche più la laurea avrà valore legale. Quindi alla fine chi se ne frega della tesi, almeno per oggi.

Ieri il famoso 14 dicembre 2010 sono entrata in aula, avevo lezione. E’ stato come entrare in una di quelle bolle di Natale, che se le scuoti nevica. Tutto si muove lentamente lì dentro, la gravità è attutita da un viscoso liquido trasparente. A volte le aule dell’università sono come un sacco amniotico: del mondo circostante arrivano solo vaghi clamori.

I miei studenti, mentre tanti loro colleghi erano in piazza, mi aspettavano come niente fosse. E io avrei voluto prendere un grosso martello e spaccare quella bolla di vetro e farli defluire fuori

“Voi cosa cazzo ci fate qui? Andate a manifestare, andiamo a manifestare! Vi rendete conto che tra un anno magari questo corso non esisterà più?”

“Appunto”, mi avrebbero probabilmente risposto.

Ed è tutto qui, il problema. Siamo ancora un paese di pieno di troppi pollicini che invece di assaltare il forno, raccolgono briciole nella speranza di tornare a casa. Io come tanti altri assegnisti precari, che curiamo amorevolmente le nostre effimere carriere, siamo più pollicini di tutti, perchè le nostre briciole sono così in basso, che una settimana sui tetti è un lusso che non osiamo concederci.

E quindi ieri sono montata sulla cattedra e ho fatto la più bella lezione del corso. Perchè se si deve suonare mentre la barca affonda, allora tanto vale che la musica sia la migliore.

Annunci

Tag: , , ,

3 Risposte to “Come sopravvivere ad un dottorato di ricerca (Special edition: the day after)”

  1. Chiara Says:

    Ma mia cara, dopo essermi sollazzata coi tuoi racconti tragicomici…io ti vedrei bene a scrivere per il grande pubblico. Mai pensato? sotto falso nome, of course.

  2. Giuditta Bassano Says:

    Io sto aspettando con apprensione “Come sopravvivere a un assegno di ricerca”. Lo evidenzio con reverenziale rispetto.

  3. Sara Says:

    Ho iniziato un dottorato senza borsa a novembre. Sono passati quasi 4 mesi non sono andata avanti di una pagina, nell’infinità dei libri che mi aspettano. Ma soprattutto, sono ferma alla domanda:
    sono entrata, e adesso cosa studio?
    Perché, lo so che è strano, ma sono entrata senza un vero progetto di ricerca (e questa è la mia personale risposta a “ecco perché sono entrata senza borsa”), solo tanta motivazione e passione.
    Ora che sono qui, davanti allo sconfinato mondo di conoscenza e mi sento una formica in un oceano di informazioni.
    Senza tema generale, senza obiettivo particolare, senza un docente di riferimento, senza una rete di colleghi o professori interni all’università, perché sono entrata in un altro ateneo senza alcun contatto precedente (e, non dimentichiamoci, senza borsa).
    Ecco, anche se dal tuo ultimo post sono passati anni, mi piacerebbe sapere se, a tuo parere, esistono delle ragioni per cui ne vale davvero la pena. Vorrei ricevere altri consigli, vorrei avere la speranza che un tema di ricerca lo troverò e non sarà troppo tardi e mi piacerebbe potermi confrontare con qualcuno che ci è passato. Per rompere questa solitudine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: