Archivio dell'autore

MetroRiflessione…

20 novembre 2009

Potrebbe essere tutto molto più semplice.

Le relazioni umane, le conoscenze, le amicizie, le storie d’amore.

Invece tutti tendono a complicarsi, a nascondersi dietro facciate imbellettate.

Pirandello aveva capito e previsto. Uno, nessuno e centomila.

Semplicità e chiarezza non sono per nulla comuni.

Se pensi facile e diretto sei profondo e complicato.

Sei complesso e diventi complicato. Gli altri non hanno voglia di affaticarsi dietro un pensiero semplice.

La maggior parte delle persone, la mattina si alza, si sciacqua la faccia e difficilmente si guarda allo specchio riconoscendosi. Tende invece ad interpretare un ruolo, in questa società reality dove si appare per quello che si riesce ad ostentare e costruire. Artefatto e costruito. Sembra naturale, quando poi non lo è.

Si conosce una persona  invece di scoprirsi sinceramente, s’ inizia una arzigogolata partita a scacchi. Ci si muove già pensando alla mossa successiva. Tutto è calcolato per raggiungere non si sa quale obiettivo. Quello di non farsi vedere fragile, umano. Eppure lo siamo tutti umani ma giochiamo a vestirci da supereroi.

Ci si nasconde per paura di non essere piacevoli se sinceri. Si perde molto. Si perde tempo perché non si ha fiducia in quello che si è ed in quello che sono gli altri.

Essere sicuri di se stessi non è un atto di presunzione ma di conoscenza. Conoscere pregi e difetti comprende un lungo percorso, una pratica da effettuare tutti i giorni davanti allo specchio. Serve per prendere le misure, essere poi capaci di relazionarsi onestamente con gli altri, senza raccontare favole inutili.

Cercare di mostrarsi nudi vuol dire concedersi senza limiti senza mancarsi di rispetto, senza forzare la mano, seguire il naturale evolversi delle cose.

Tornare ad essere meno artificiali e più naturali. Limitare i filtri per agevolare la comunicazione.

Respirare e sorridere.

Sumire

Annunci

La prima volta…

20 novembre 2009

1h20, 80 minuti, 4.800 secondi

Questo il tempo impiegato da me e Silently per tornare alle nostre accoglienti case, sui mezzi pubblici più disparati, dopo aver trascorso 8 ore in una algida e artificiale azienda.

Chiacchierare per ammazzare la noia e cercare di tenere le palpebre aperte per non sbagliare fermata? Noi facciamo di più!

Convesare. Che è ben diverso!!

Sedute, una di fronte l’altra in accoglienti scompartimenti azzurri, camminando nei sottopassaggi e sui tappeti mobili che non funzionano mai, appoggiate alle pareti dei vagoni o appese a qualche corrimano.

“Dovremmo registrarci mentre parliamo!”

“Beh si può fare, usiamo un cellulare!”

“Perchè con un cellulare si puo’ anche registrare…”

“Certo!”

“Ma sei sicura che poi si sente bene?!?!?!? mmm devo fare una prova!”

Registrare però implica riascoltare… e a noi non è che questo piaccia molto…troppo tempo, troppa fatica. Registrare e poi trascrivere.

Ma trascrivere dove?

Al liceo con la compagna di banco c’era il quaderno delle conversazioni…ore di lezione passate a scrivere quante volte avevi incontrato il ragazzo del V di cui eri cotta, a prendere in giro la bruttina della classe senza pietà, a scrivere gli strafalcioni inimmaginabili dei professori.

A quasi trent’anni un quaderno sembrava un po’ troppo romantico! Scambiarselo poi in pausa pranzo o spedirselo per posta interna un po’ patetico!

Da brave gggiovini del XX secolo…scriviamo un blog!!

Sorpresa!!

Nessuna delle due, nonostante l’urgenza di dire e di scrivere, ne ha uno!!!!

“Ci avevo pensato…però sai non ero convinta…io ne leggo diversi”

Per farlo concretamente sono passati altri 2/3 giorni di valutazioni varie…

” Dal pc dell’azienda chissà se abbiamo accesso ad alcuni blog…Ma secondo te ci beccano se lo usiamo da qui?!?… Proviamo oggi a pranzo la mia collega scende alle 13 puntuale, però occhio che io lavoro vicino a quelli del personale…”

Alla fine la pragmaticità ha conquistato Silently e in una notte è nato:

CONVERSAZIONI METROPOLITANE

Con la speranza che l’orario di rientro continui ad essere lo stesso per entrambe:

17:20 I° navetta!!!

Sumire