Posts Tagged ‘prodezze fuori area’

The Niro @ Prodezze Fuori Area (19/12/2010)

19 dicembre 2010

Davide Combusti, si chiama lui, è di Roma.
E’ bravo, cazzarola se è bravo.
E anche il posto è bellino, uno scantinato con gli archi di pietra, peccato che siano pitturati di bianco ma vabbè, fa tutto atmosfera, soprattutto i divani sparsi davanti al ‘palco’, che sarebbe un tappetone con, per l’occasione, un amplificatore e una chitarra buttata a terra.
E’ una formula molto simpatica, entri e porti qualcosa per l’aperitivo (ma anche no, non ti chiede niente nessuno) e poi se trovi posto sui divanetti sei er mejo figo, sennò t’attacchi e stai in piedi. Il posto è piccolino comunque, se ci andate cercate di arrivare presto.

Il concertino è iniziato verso le 20.00 ed è durato un’oretta, c’era solo lui davanti al microfono con quella ridicola chitarrina classica con la cassa a mezzofondo amplificata.
Non mi piace, quella chitarra. Suonava legnosa, boh. Forse in un concerto così poco amplificato, senza nessuno strumento che ti sostiene ci starebbe meglio una bella acustica che ti riempie tutto e fa il suono rotondo.

Si perchè The Niro, comunque, non solo c’ha una vocetta che voi tutti potreste apprezzare ad esempio qui (ci ha vinto un premio con questo video. Il tizio che l’ha girato era lì facendo foto), e che tutti gli dicono che è parecchio Jeff Buckley.
Si, in effetti lo è, anche se ormai nessuno può più avere un falsetto spettacolare senza essere paragonato a lui. Ma non mi pare neanche un insulto, ecco.
Comunque stavo dicendo che non solo se la canta da paura, ma se la schitarra anche decentemente. Immagino che il freddo non l’abbia aiutato molto da questo punto di vista.

A parte London Theatre, Liar, No Innocence e altre sue di cui non rimembro i titoli, il buon Davide ci ha regalato anche un paio di cover: la battistiana Vento Nel Vento, e poi nientepopodimeno che Summertime.

Che se mi voleva strappare le budella e buttarle in pasto agli astanti bastava dirlo.

 

[Silently]